logo
Rinnovo patente: una guida pratica - Finasser
3163
page-template-default,page,page-id-3163,bridge-core-2.9.0,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-27.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive
Rinnovo patente: una guida pratica;

Rinnovo patente: una guida pratica

Cosa fare per il rinnovo della patente?

La normativa sul rinnovo della patente di guida è in continua evoluzione, con nuove casistiche e procedure che cambiano nel corso dei mesi.

Con questa guida pratica vi renderemo più semplice effettuare il rinnovo della patente.

Cosa bisogna fare?

Ogni tipologia di patente ha una propria determinata scadenza e la prima cosa da fare, è assicurarsi che la stessa non sia scaduta da tempo (se si supera il limite dei 3 anni bisognerà ripetere tutta la procedura da capo, ossia esame teorico ed esame pratico) o che la scadenza sia in un breve tempo. Appurato ciò, è necessario prenotare, presso un Medico autorizzato, la visita Medica per il rinnovo della patente.

Quali sono i documenti necessari?

  • Una Fototessera che se non si ha già, la si può fare gratuitamente mostrando da VisionOttica (Ottico situato in via Via Vittorio Veneto 20) il tagliandino che rilasciamo noi
  • La patente (scaduta o con scadenza a breve termine) che servirà per essere scansionata

Al momento della Visita Medica, il Medico rilascerà un foglio con valenza mensile, sostitutivo della patente, che permette di viaggiare in tranquillità fino all’arrivo della nuova.

Cosa prevede la visita medica?

Al momento della visita Medica il paziente viene sottoposto ad alcuni esami, ossia deve dimostrare di possedere un’acutezza visiva per i due occhi di almeno sette decimi con almeno due decimi per l’occhio più debole ma anche di percepire il senso di una conversazione a non meno di due metri. Inoltre verranno fatte varie domande che serviranno al Medico per compilare la “Relazione di Visita Medica”.

rinnovo patente

Dove si può rinnovare la patente?

Si può rinnovare presso:

  • Agenzie di pratiche auto
  • Scuola guida
  • ASL
  • Presso la nostra sede Finasser, è possibile rinnovare la patente con un servizio facile e veloce in cui ci occupiamo di tutto noi! Sarà necessario solamente portare con se una fototessera e la patente per procedere alla registrazione, che occorre effettuare fino a qualche giorno prima della visita. A tutto il resto pensiamo noi!

Il rinnovo della patente di guida  varia in relazione all’età della persona e alla tipologia di patente che si possiede:

Scadenza patente: quanto tempo si ha per rinnovarla?

Rinnovo patente A

  • rinnovo ogni 10 anni fino ai 50 anni di età
  • rinnovo ogni 5 anni per età compresa tra 50 e 70 anni
  • rinnovo ogni 3 anni dopo i 70 anni

Rinnovo patente B

  • rinnovo ogni 10 anni fino ai 50 anni di età
  • rinnovo ogni 5 anni per età compresa tra 50 e 70 anni
  • rinnovo ogni 3 anni dopo i 70 anni

Rinnovo patente C

  • rinnovo ogni 5 anni fino ai 65 anni di età
  • rinnovo ogni 2 anni dopo i 65 anni

Rinnovo patente D

  • rinnovo ogni 5 anni fino ai 60 anni di età
  • rinnovo ogni anno dopo i 60 anni

Per gli ultraottantenni il rinnovo della patente è previsto ogni 2 anni prima della scadenza oppure se fatta dopo non si può guidare fino a rinnovo avvenuto e si riferisce alle patenti: AM, A1, A2, A, B1, B e BE.

La patente di categoria E ha la stessa validità della patente a cui è associata.

Quali sono i requisiti per il rinnovo?

Requisiti visivi

I requisiti visivi necessari per rinnovare o conseguire la patente sono di due tipi e sono legati al tipo di visione, tra monoculare e binoculare. Nel primo caso i due occhi non visualizzano la stessa immagine ed al guidatore sono richiesti almeno 8 decimi di vista nell’occhio residuo, mentre nel secondo sono richiesti almeno 7 decimi di vista e non meno di 2 decimi nell’occhio peggiore. In entrambe le situazioni, la campimetria, ossia il campo visivo richiesto, deve risultare di almeno 120 grandi sul piano orizzontale e non avere difetti in sede centrale.

Non è più previsto il controllo della visione dei colori ed il daltonismo non è più causa ostativa della guida della macchina. Sono altri importanti requisiti visivi la sensibilità al contrasto ossia la capacità del guidatore di leggere chiaramente i caratteri di cartelli e insegne che hanno diverse tonalità di uno stesso colore.  Sotto osservazione c’è anche il tempo di recupero da un abbagliamento, rischio sempre concreto quando si incrocia un’altra auto lungo la strada, per cui sono indispensabili due decimi in un tempo inferiore ai 60 secondi per l’occhio con risultato migliore. Inoltre il guidatore deve essere capace di guidare in condizioni di luce scarsa (visione crepuscolare) ottenendo almeno un decimo.

Requisiti di salute

Per il conseguimento, la revisione o la conferma di validità della patente di guida  occorre che il richiedente, all’accertamento sanitario praticato con i comuni esami clinici e con gli accertamenti specialistici ritenuti necessari, non risulti affetto da malattia fisica o psichica, deficienza organica o minorazione psichica, anatomica o funzionale, tale da impedire di condurre con sicurezza i tipi di veicoli alla guida dei quali la patente abilita.

Le malattie che escludono la possibilità di rilascio delle patenti A, B e superiori sono le seguenti:

  • affezioni cardiovascolari
  • diabete mellito
  • malattie endocrine
  • malattie del sistema nervoso (encefalite, sclerosi multipla, miastenia grave, epilessia, ecc..)
  • malattie psichiche
  • sostanze psicoattive

La patente non deve essere rilasciata o confermata ai soggetti o conducenti che si trovano in stato attuale di dipendenza da alcool, stupefacenti o sostanze psicotrope, o in generale a persone che consumano abitualmente sostanze che compromettono la loro idoneità a guidare senza pericoli (persone affette da malattie del sangue o dell’apparato urogenitale).

Soggetti diabetici

Il Diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di un elevato livello di glucosio nel sangue. Per garantire un adeguato livello di sicurezza, la particolarità della situazione richiede una procedura ben precisa per il rinnovo della patente.

Per il rinnovo della patente per i diabetici è obbligatorio il certificato del Diabetologo. Come prima cosa l’automobilista si deve rivolgere al servizio di Diabetologia per farsi consegnare la scheda di richiesta del rilascio patente. In questo documento il medico diabetologo indica gli esami e le visite da effettuare per ottenere il rilascio del certificato per il rinnovo della patente. Dopodiché occorre programmare esami e visite nei 90 giorni precedenti alla scadenza della patente. Eventuali referti eseguiti in precedenza possono essere valutati e ritenuti validi. Bisogna quindi prenotare un appuntamento con il servizio di Diabetologia per il rilascio della certificazione. Il passaggio finale prevede un ultimo appuntamento per il rinnovo della patente con il medico legale del distretto socio-sanitario o con il medico legale di un’agenzia automobilistica. O, in alternativa, con la Commissione medica provinciale in uno dei seguenti casi:

  • persone con più di 80 anni;
  • rinnovo patente B speciale;
  • rinnovo patente C, D, E;
  • presenza di complicanze;
  • precedente rinnovo alla Commissione medica provinciale.

Una importante considerazione che deve essere fatta nel rinnovo della patente per i diabetici, è la valutazione del rischio per la sicurezza stradale da parte dei medici del servizio di Diabetologia. Può essere infatti classificato come:

  • basso: l’iter per il rinnovo è lo stesso di chi non è affetto dalla malattia;
  • medio: la durata della patente è di 5 anni per chi ha meno di 50 anni, di 3 per chi ne ha da 50 a 70, di 1 per chi ha più di 70 anni;
  • elevato: la valutazione dell’idoneità spetta alla Commissione medica legale.